Massimizza l’Efficienza con l’Attributo Canonical: Guida SEO

by francesco 390 views0

Ultimo aggiornamento 22 Novembre 2023

Nel vasto universo dell’ottimizzazione SEO, uno strumento che spesso viene sottovalutato è l’attributo canonical del tag <link>. Questo piccolo dettaglio nel codice sorgente può avere un impatto significativo sull’indicizzazione e sulla visibilità del tuo sito web. In questo articolo, esploreremo cos’è l’attributo canonical, come e quando usarlo in modo efficace.

Cos’è l’attributo Canonical

L’attributo canonical è un elemento HTML che consente di indicare la versione preferita di una pagina, specialmente quando ce ne sono diverse con contenuti simili o duplicati.

Questo aiuta i motori di ricerca a comprendere quale pagina considerare come fonte principale e, di conseguenza, a evitare problemi legati a contenuti duplicati nelle SERP.

Quando Utilizzare l’Attributo Canonical

1. Pagine con Contenuto Simile: Quando hai pagine con contenuto simile, come pagine di prodotti con leggere variazioni o pagine di categorie che mostrano gli stessi articoli, l’attributo canonical può essere utile per indicare la versione preferita. Fai attenzione, perché in questo caso probabilmente c’è un problema organizzativo a monte. Puoi certamente usare il canonical come una “pezza” per far fronte a un problema strutturale… ma è meglio risolvere il problema strutturale.

2. URL con Parametri: Se hai URL con parametri che generano diverse visualizzazioni della stessa pagina, l’attributo canonical può consolidare l’autorità verso una versione specifica, evitando duplicazioni. Questo è probabilmente l’uso più diffuso e utile del canonical.

3. Contenuti Duplicati: Se il tuo sito contiene pagine con contenuti duplicati, ad esempio versioni desktop e mobile, l’attributo canonical può essere un alleato prezioso per indicare la versione preferita e migliorare l’indicizzazione. Se poi hai tante pagine uguali, magari cancella i duplicati, che è meglio.

Quando Evitare l’Attributo Canonical

Contenuti Significativamente Diversi: Se le pagine hanno contenuti significativamente diversi, l’attributo canonical potrebbe confondere i motori di ricerca piuttosto che aiutare. Quindi se ad esempio hai due pagine diverse che competono per la stessa parola chiave, magari accorpale invece di usare il canonical.

L’Importanza di Servire l’Attributo Canonical nel Codice Sorgente

Un dettaglio spesso trascurato è come implementare l’attributo canonical. Se un percorso non fa riferimento a una pagina che desideriamo posizionare su Google, è consigliabile utilizzare una funzione JavaScript nel codice sorgente, evitando l’uso del link con href. Questo dettaglio sottile può fare la differenza nei confronti dei motori di ricerca quando si vogliono sviluppare ordini di priorità rispetto alla scansione. Il percorso servito via JavaScript dovrà comunque essere canonicalizzato alla pagina da indicizzare, per maggiore sicurezza. Google può infatti vedere senza particolari problemi i link JavaScript. Un esempio di quanto appena spiegato sono i filtri nelle pagine di categoria dei siti e-commerce. In caso non vadano fatti indicizzare, possono essere opportunamente serviti via JavaScript e canonicalizzati alla pagina di categoria corrispondente.

Conclusione: Un Passo Verso un Sito SEO-Ottimizzato

In conclusione, l’attributo canonical è uno strumento potente quando utilizzato correttamente, ma ricorda che il canonical non è una direttiva, è un “consiglio”. Vale a dire che se Google percepisce interesse verso una pagina non canonica, può tranquillamente disattendere la direttiva e mettere in indice la pagina non canonica. Sapere quando e come impiegarlo può far parte di una strategia di ottimizzazione SEO efficace. Tuttavia, è essenziale valutare attentamente se è veramente necessario in determinate situazioni e concentrarsi su altre tattiche di ottimizzazione strutturale quando l’attributo canonical potrebbe non apportare benefici significativi. Ricorda che ogni dettaglio conta nell’ambito dell’ottimizzazione, e una scelta oculata può fare la differenza nella visibilità del tuo sito sui motori di ricerca.