Tuttojuve.com, una storia SEO

by francesco 1.9K views0

È uno dei siti web sportivi più visitati d’Italia. I tifosi della Juventus lo amano perché vince sempre, ma com’è strutturata la SEO di Tuttojuve? Proviamo a dargli un’occhiata.

tuttojuve
tuttojuve

Premettendo che non tifo per la Juventus, ho trovato il progetto Tuttojuve decisamente interessante, un po’ perché da Semrush vedo il trend di crescita nelle visite in costante aumento da anni, un po’ perché tale trend non risente minimamente del fatto che il sito abbia un aspetto un po’ superato. La struttura e le scelte editoriali sono comunque degne di nota, quindi andiamo insieme ad analizzare i punti salienti di quest’analisi, fatta a quattro mani con Carmine Pucino, tifoso sfegatato della Juventus, nonché mio eccellente SEO padawan.

Articoli nuovi e vecchi, la scansione

Un problema che mi trovo spesso ad affrontare quando mi si chiede di ottimizzare un sito web in ambito sportivo, riguarda le news datate, diciamo quelle di due anni fa. Cosa farne? La domanda non è banale, perciò ho provato a dare un’occhiata ai punti di riferimento nel settore, tra cui appunto Tuttojuve (e non ti dico quali altri).

Le notizie vecchie hanno talvolta il problema di continuare a pesare sulle risorse di scansione e per altro, almeno a detta di Carmine, a nessuno interessa più leggere i forse, i magari e i perché no della trattativa per portare Pogba alla Juve del 2014. Quindi (direbbe Aranzulla) come fare?

Molti scelgono di cancellare via via gli articoli vecchi, soluzione non sbagliata tout court, ma se il tuo sito web si chiama Tuttojuve, cancellare gli articoli vecchi significa rimuoverne parecchie centinaia al mese. Se ad esempio clicchi sulla voce Calciomercato, ti rendi subito conto di quanti articoli vengono prodotti ogni giorno: è l’ansa privata della Juventus, per capirci!

Insomma, i codici 404 sono anche fisiologici per tanti siti web, ma sarebbe meglio evitare di generarne quantità imbarazzanti, quindi almeno per quello che ho potuto vedere, Tuttojuve si limita a renderli irraggiungibili dal sito web. Se ad esempio investi dieci minuti del tuo tempo a guardarti tutte le paginazioni della category Calciomercato, noterai come queste vadano avanti inesorabilmente mostrandoti 980 articoli prima di interrompersi. Mi dirai: “980 articoli copriranno almeno le notizie sul calciomercato Juventino degli ultimi 2 anni, invece la più vecchia è del 14 giugno. 

Quindi hanno rimosso gli articoli vecchi?

Non proprio o per lo meno non del tutto. su Google trovi ancora indicizzate notizie di calciomercato bianconere del 2014 e del 2013, pagine la cui cache viene regolarmente aggiornata, ma che non sono più raggiungibili dal sito, da nessuna parte. Ecco un’idea per preservare crawling budget senza violentare troppo un sito web. Il senso è rimuovere i percorsi che portano alle pagine, non rimuovere le pagine. Puoi lasciare tutto aperto, basterà semplicemente evitare che Google raggiunga facilmente i vecchi nodi. Guarda tra l’altro come Tuttojuve non mostra tanti link di paginazione, ma solo precedente e successivo aiutando Google a capire che per raggiungere gli articoli più vecchi occorre scansione parecchio in profondità. Questo genera gerarchie nette.

In questo modo non si dovrà nemmeno fare troppa attenzione a redirigere i link in ingresso, mentre invece tagliando via articoli con la falce rischi di perderti link spontanei da ogni dove.

Altra cosa da rimarcare è che per i siti di informazione sportiva la freshness è tutto, quindi Google parte comunque dall’idea che la data di pubblicazione e aggiornamento siano fattori di rilevanza molto più che per altri tipi di siti web. Per questo un suggerimento è aprire e aggiornare spesso i contenuti, specie quelli sulle dirette live e curare i dati strutturati rispetto al riferimento last update.

Conclusioni

Sarei falice di ricevere (E pubblicare qui) un feedback dai responsabili tecnici di Tuttojuve, nell’ottica di capire e far capire.

Non è un aspetto da poco il fatto che Tuttojuve sia sviluppato a rete con un network di grandi dimensioni i cui nodi sono altri siti web tematici, raggiungibili dalla home con link nofollow, per non correre rischi (dillo a quelli di Giardinaggio.it che invece hanno tutti i link dofollow). 

Tuttojuve vince perché ha capito che pubblicare spessoaggiornamenti brevi è il segreto del successo in questo segmento. Per fare ciò hanno messo a terra uno spiegamento di forze senza pari… poi forse pagano Google sottobanco, ché la Juve si sa…

Dai scherzo, non fare quella faccia, era solo una battuta! 😀