Seminario SEO a Palermo

by francesco 2.6K views0

Pani ca' meuza in giro per Palermo?
Pani ca’ meuza in giro per Palermo?

Il prossimo 25 novembre avverrà ciò che aspetto da ormai due anni, forse da prima: mangerò il pani ca’ meuza. Chiunque voglia condividere con me l’esperienza indimenticabile dello street food palermitano, uno dei migliori al mondo, è invitato ad assistere al mio prossimo seminario sulla semantica non strutturata applicata alla SEO che si terrà nella sede della casa editrice Flaccovio.

Workshop SEO a Palermo 25 novembre 2016
Workshop SEO a Palermo 25 novembre 2016

Costa 8 euro iva inclusa, quindi se abiti da quelle parti e ti occupi di marketing digitale non hai proprio scuse. Ti tocca.

A parte le parentesi gastronomiche in giro per l’Italia (ormai sono un travel blogger) sono felice di incontrare i “Flaccovi”, perché devo tanto a queste persone. L’intuizione di Enrico circa 3 anni fa è stata una spinta importante per la mia carriera. Il Manuale di Seo Gardening ha rappresentato e rappresenta tutt’oggi uno tra gli strumenti di apprendimento su carta più diffusi per chi fa il mio mestiere.

 

Come il copywriting può essere decisivo per la SEO

In verità avevo pensato a un titolo diverso, forse più difficile da comprendere, ma per fortuna Floriana Giambarresi mi ha salvato ancora una volta dalla trappola dell’incomunicabilità suggerendomi un titolo forse un po’ riduttivo, ma sicuramente più immediato e utile a riassumere il mio intervento.

Parleremo di trasversalità nella keyword research, di ciò che intendo per SEO semantica occupandoci di linguistica e non di web semantico, tracciandone con cura le differenze in modo da non generare un casino. Capiremo cosa sono i vettori semantici applicati allo studio e alla ricerca di significati da iniettare nelle nostre pagine web per aumentarne la rilevanza rispetto alle chiavi di ricerca obiettivo.

Studieremo le co-occorrenze di termini e i modelli distributivi per integrarne la presenza nel testo delle pagine web. Svelerò una volta per tutte cos’è il topic N e come mai l’ho chiamato così (per portarti avanti cerca l’equazione di Drake, poi ne parliamo).

Si parla di scrittura ok, ma si ragione delle persone e dei loro interessi trasversali. Capiremo perché è importante usare i software come Semrush per la keyword research, ma anche perché a un certo punto è importante chiudere i software (e al limite il computer) per fare ricerca vera, analogica, uscendo per strada, parlando con la gente, tra un abbraccio e uno spritz (cit.).

Il marketing sviluppa la cluster analysis da decenni per determinare che se mi piace fumare il sigaro e mi piacciono i dischi di De Andrè, probabilmente sceglierò di acquistare una giacca di velluto a costine. Ecco, i vettori semantici servono essenzialmente a questo: trasferiscono significato tra “nuvole” di documenti web diversi tra loro eppure ugualmente interessanti per le stesse persone che effettuano una ricerca per una keyword di tuo interesse. Questo tipo di ricerca può migliorare il posizionamento su Google di un sito web perché ne aumenta la rilevanza complessiva. Di questo parleremo… e di tanto altro.

 

Pratiche SEO per giornalisti online

Il giorno dopo (il 26), sempre a Palermo terrò un seminario per l’ordine dei giornalisti di Palermo, in cui fornirò spunti (non trucchi, spunti) per far bene nella giungla di Google News e in generale per curare la rilevanza dei testi rispetto alle parole chiave.

Ecco l’abstract del mio intervento:

Suggerimenti e accortezze per l’ottimizzazione testuale e strutturale del progetto web giornalistico. Semantica e intenzioni di ricerca verso un approccio ecologico alla keyword research.

 

Programma

 – Come funziona il giornalismo sul web

 – Come leggere l’indicizzazione del sito web

 – Gli errori di scansione

 – Keyword research classica

 – Il concetto di freshness

 – Differenza tra una query di ricerca e una parola chiave

 – Web semantico e SEO semantica

 – Strade SEO per giornalisti: le tecniche

 

Conclusioni

Ok lo dico. Il vero motivo per cui vado a Palermo è per ritrovare l’ispirazione e autoconvincermi della necessità di mettermi a fare una cosa che rimando da troppo tempo. Sai bene a cosa mi riferisco vero?

Ci vediamo là, così te ne parlo faccia a faccia.