I problemi SEO di seogarden.net

by francesco 1.4K views0

problemi seo seogarden
problemi seo seogarden

Seogarden soffre di evidenti problemi tecnici che col passare del tempo rendono la scansione dei contenuti sempre più ardua e meno orientata. Vediamoli insieme.

Nel 2011 decisi di montare il mio blog personale. In quel periodo vivevo una forte necessità di affrancarmi da un ambiente lavorativo assurdo che io stesso avevo creato. Seogarden doveva essere il mio riscatto personale, l’ancora di salvezza, come se questa potesse dipendere da qualcosa fuori di me. Avevo (ed ho) ancora tanto da imparare, ma in quel momento sentivo il bisogno di un appendice esterna che fosse il mio punto zero, il luogo virtuale da cui lanciare spunti di riflessione e all’epoca tanto veleno verso persone la cui unica colpa era solo l’essere proiezioni di quel che ero, di ciò che avevo consentito mi accadesse.

Versione obsoleta del CMS

Il sito web che sul quale ti trovi è realizzato sulla gloriosaversione 1.5 di Joomla, probabilmente la migliore release del CMS open source un tempo più utilizzato per sviluppare siti web. Bello per carità, ma obsoleto, privo di troppe accortezze oggi necessarie ad una buona SEO.

Una buona SEO per il mio blog in effetti non è proprio ciò di cui avrei bisogno, avendo trascorso gli ultimi tre anni a coltivare il mio personal branding attraverso i “Fatti” (sottile gioco di parole), tuttavia confesso di essermi un po’ stufato di quest’arretratezza che si manifesta nel non avere una buona visualizzazione da mobile, oltre che nelle vulnerabilità in sé del mio sito web.

Problemi di scansione / rendering

Già a partire dal render di pagina, Google mostra come da quando ho inserito il plugin per visualizzare l’avviso sui cookie, l’intero menu principale risulti nascosto, rendendo immediatamente invisibili i link più importanti per la navigazione del blog. Per il resto Seogarden è un’accozzaglia di archivi per tag ormai indecifrabili che prendono link interni da ogni dove sprecando quantità imbarazzanti di link juice. Sulle pagine create dinamicamente e lasciate lì a pesare sulla scansione come se non ci fosse un domani, preferisco glissare.

Vecchi articoli

Il blog contiene decine di contenuti di carattere “editoriale” mal categorizzati e interconnessi con articoli che invece potrebbero ottenere buoni posizionamenti se non fosse che i primi ne allontanano il significato dalle chiavi per cui dovrebbero competere.

Contromisure

Dovrei aggiornare Joomla alla versione 3.5, fermo restando che il mio vecchio tema (JA-Graphite) È disponibile, ma è per l’appunto “vecchio” e manca di troppe funzioni richieste dagli standard attuali. Allo stesso tempo dovrei modificare la struttura url, disintegrare una valanga di pagine che nascono da sole come i fili d’erba tra i solchi dell’orto e gestire tutti i reindirizzamenti ripulendo l’orribile struttura tassonomica attuale.

Tante persone nell’ultimo mese si sono addirittura offerte di darmi una mano assistendomi nella migrazione e aiutandomi con le modifiche da codice, le ringrazio tutte, ma alla fine ho capito che a volte per cambiare registro puoi ripartire dal punto in cui ti trovi, ma altre volte non c’è niente di meglio che ricominciare da capo.

Il nuovo Seogarden.net

La nuova versione di Seogarden è attualmente in fase di sviluppo. La sto realizzando in WordPress con un tema all’altezza delle necessità tecniche e di fruizione dei miei lettori più affezionati. Sto trasportando gli articoli uno per uno, ricostruendo via via le tassonomie orizzontali e verticali sulla base di quello che ho imparato negli ultimi anni di lavoro su centinaia di progetti web ad ogni ordine di grandezza. Lavoro a togliere, talvolta in modo brutale, giacché il mio orto sul web è pieno di erbacce che impediscono ai rami di venir su come dovrebbero.

Una volta trasportati gli articoli e creato il nuovo assetto, avverrà la migrazione, prevista già nella seconda metà del 2016.

Intanto per gli affezionati del mio blog per come è ora, godetevelo, perché non durerà.