Donato Paolino sul TC Summit

by francesco 931 views0

L’intervista SEO di oggi è diversa dal solito, infatti non è la prima volta che ospito Donato Paolino su Seogarden, stavolta però il nostro è di ritorno dal Top Contributor Summit. Un’occasione ghiotta per farci raccontare com’è andata. Buona lettura e buona settimana a tutti.

top contributor summit
top contributor summit

1) Ciao Donato, prima di tutto, come si fa a diventare top contributor di Google?

Ciao Francesco, è un piacere rispondere alle tue domande. Diventare un top contributor è semplice. Esiste da tempo un apposito programma che si può consultare all’indirizzo web https://topcontributor.withgoogle.com/  dal quale si possono apprendere tutte le informazioni utili, aderire e consultare le schede personali degli attuali TC’s.

2) Perché andare al TC summit? Dove si tiene? 

Il TC Summit è sempre una festa, sia nell’edizione internazionale che fin ora si è celebrata per tre volte a Mountain View (dal 2011 con cadenza biennale), sia nelle edizioni nazionali o di settore. In un summisi apprende e si condivide.

3) Quali sono stati i punti forti di quest’anno? Cosa ti ha colpito maggiormente? 

Ciò che colpisce  è la consapevolezza di far parte di una community di persone speciali di ogni nazionalità, età e lingua, con le quali è sempre un piacere condividere esperienze, tutti  uniti dalla certezza di essere parte attiva del presente e del futuro di Google.

4) Su cosa credi che Google abbia gli occhi puntati in questo momento? 

Google è già da tempo oltre il motore di ricerca: solo per fare un esempio, viviamo esperienza Google ogni volta che usiamo nuovi devices che entrano nella nostra quotidianità,come lo smartwatch collegato ad Android Wear. C’è  Google dietro una lista della spesa che facciamo con Keep, oppure quando ascoltiamo musica o vediamo video in streaming con Chromecast.  C’è Google  quando si ottimizza un sito per la SEO o quando si fa un piano di Web martketing. C’è Google anche in quest’intervista.

Se vuoi avere un’idea di come si evolve la visione di  Google basta guardare  CardBoard“, un visore semplicemente geniale che nella sua semplicità riesce a regalare un’esperienza di realtà virtuale scaricando apposite appsvisualizzando video a 360 gradiNon ci vogliono complessi caschi supercostosi, basta un semplice visore di cartone che chiunque può costruire o acquistare e il proprio smartphone.

Ultimamente inoltre, Google si sta sempre più aprendo alla condivisione di file sorgenti con la comunità di sviluppatori: solo nell’ultimo mese sono diventati open i progetti AMP HTMLnuova piattaforma per mobile, e TensorFlowpiattaforma di intelligenza artificiale.

5) Hai trovato differenze tra i TC italiani e gli altri?  

In generale c’è la stessa passione, la stessa “geniale follia”, stesso impegno nell’aiutare altri utenti. Ovviamente va da sé che tra noi italiani abbiamo stretto un vincolo speciale che dura ormai da anni e che si concretizza in contatti praticamente quotidiani non solo via Hangout, ma anche condividendo un progetto web, Topcontributor.it, unico esperimento al mondo  di sito web completamente autogestito da Tc’s.

6) Come influirà l’esperienza di quest’anno sul tuo lavoro?

Come in ogni evento, ciò che influisce sono le relazioni esistenti che si rafforzano e le nuove che si creano.