Diventa ricco in 42 minuti, il mio metodo infallibile

by francesco 973 views0

 diventa ricco
diventa ricco

I grandi traguardi richiedono coraggio e determinazione, non ci arrivi se vuoi tutto subito, eppure per diventare ricco non devi fare niente, bastano 42 minuti. Ecco come fare.

Si, 42. Proprio il numero magico di Miss Italia, che guarda caso è anche la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto. Si dice che solo nella nostra galassia esistano almeno tre grandi libri su come diventare ricchi. Il più popolare di tutti è il famoso Manuale di Economia Domestica Galattica (MEDg), che tratta l’argomento principalmente sotto la prospettiva Orwelliana, ponendo quindi il fulcro sulle invasioni aliene come mezzo principale per arricchirsi velocemente. Il secondo testo è il Libro di Ricette della signora Stevenson, allegra settantenne dell’Essex (contea dell’Inghilterra orientale) che fornisce interessanti spunti su come soggiogare l’umanità durante i pranzi e le cene di lavoro. Si dice che la nonna dell’anziana signora Stevenson abbia fondato il Bilderberg group dopo un brunch con alcuni facoltosi membri del circolo degli scacchi di Arlington, tra cui il famoso generale Lee (no, il telefilm non c’entra).

In realtà il libro di ricette della signora Stevenson è scritto in modo molto più chiaro rispetto al Manuale di Economia Domestica, ma quest’ultimo ha superato il primo nelle vendite dello scorso anno per via della copertina di un colore giallo accattivante e perché costa un po’ meno.

Il terzo libro più venduto sull’argomento si intitola “ricchi in 42 minuti” ed ha avuto un successo minore rispetto agli altri due, ma è interessante perché tratta l’argomento ricchezza secondo una prospettiva del tutto nuova, che non sottintende la prevaricazione, né tantomeno le astuzie come l’arte di instillare la paura o di prendere gli altri per la gola. Secondo questo libro dalla tiepida copertina verde, la ricchezza si trova già dentro le persone fin dalla nascita, ma viene persa via via con il tempo. Il terzo libro, a differenza degli altri due, non ti spiega come diventare ricco, ma come esserlo.

Diventare è un verbo che riguarda il futuro, mentre l’essere è fuori dal tempo, da qualche parte nel presente, spesso reso incapace di esprimersi da pensieri evanescenti.

Il terzo libro non fornisce metodi infallibili per il futuro, perché assume che il futuro non esiste. Se vuoi diventare ricco devi “esserlo” e se vuoi esserlo devi semplicemente smettere di pensare a come fare per diventare ricco. Sembra un paradosso, ma è il pensiero più semplice dell’universo, alla portata di ogni “essere” vivente, perfino dei Vogon, creature le cui poesie sono classificate come le seconde più brutte della galassia. Se non ci credi fatti un giro su questo sito e guarda come vengono composte.

“Non sei ricco quando hai un bel conto in banca, hai un bel conto in banca quando sei ricco”.

Questo gioco di parole è stampato con caratteri rassicuranti sulla quarta di copertina del terzo libro ed è probabilmente il motivo per cui non ha avuto il successo editoriale degli altri due. Il senso è che la ricchezza non è determinata dalle buone idee che ti fanno guadagnare tanti soldi, ma al contrario, queste buone idee ti arrivano quando sei ricco, insomma, dipende da come guardi le cose, da quello che trovi guardando dentro, non fuori. L’assunto è che nasciamo tutti ricchi e felici, per poi perdere questa ricchezza (e spesso la felicità) ritrovandoci a correre come matti per acchiappare qualcosa che non esiste. Siamo fiocchi di neve che non cadono in nessun posto (cit.).

 

Ok, questo articolo sta diventando troppo serio

Pare che l’autore del terzo libro non abbia voluto cedere i diritti per le edizioni economiche, quindi fondamentalmente predica bene e razzola male, ciononostante ti suggerisco di dargli una scorsa, perché pare sia l’unico dei tre a far riflettere sul vero motivo per cui la Miss Italia abbia risposto in quel modo interrogata in diretta da Claudio Amendola.

Nota a margine: il libro scorre bene e nonostante non sia piccolo si legge in 40 minuti, circa.