Fare Black Hat SEO “contro” qualcuno

by francesco 1.9K views0

Come muovere azioni scorrette per far penalizzare siti web concorrenti al fine di migliorare il proprio posizionamento su Google. Ecco cosa penso di queste pratiche.

black hat seo
black hat seo

Esistono diverse tecniche per “danneggiare” i siti web dei competitors rispetto al loro posizionamento organico. Eccone alcune:

1) Sql injection: un hacker riesce a “infiltrarsi” con uno script direttamente nel database di un altro sito web e crearereindirizzamenti nascosti o addirittura richiamare pagine di altri siti web, con la conseguenza che il sito colpito si trova ad avere link in uscita a (o pagine che parlano di) siti web spesso malevoli e sicuramente offtopic.

2) Code injection nelle immagini: Anche nelle immagini che carichiamo sul nostro sito ci possono essere virus o codici di reindirizzamento nascosti. Il risultato è lo stesso, la cosa subdola è che spesso le immagini che scegliamo sul web sono già compromesse in partenza, ma non ce ne accorgiamo. È una delle tecniche di link baiting più black hat e meschine.

3) Link (google) bombing: Su Wikipedia se ne parla come di una tecnica per beffare Google a scopo goliardico come hanno fatto in America alcuni blogger che hanno “bombardato” di link alla biografia di George W. Bush tantissimi siti web usando l’anchor text “miserable failure”. Come risultato la biografia in questione si posizionò al primo posto per la query “fallimento miserabile”. Ultimamente in Italia sembra essere successa una cosa simile per il caro Silvio Berlusconi, che Google crede essere la risposta più pertinente per la query “Quanto è alto un nano?”. Certo non c’è la conferma che si tratti di Google Bombing, però è interessante per chi si occupa di black hat SEO.

Cosa succede quando facciamo link bombing per il sito di un’azienda rispetto alle sue parole chiave d’interesse?

In questo caso non funziona come per l’ex presidente Bush o casi simili, perché la link bombing si trasforma in Spam link, la più classica delle tecniche Black hat SEO usataper (s)favorire il posizionamento di un sito web. In sostanza si utilizzano software automatici come Scrapebox per bombardare un sito con link provenienti da altri siti web del tutto impertinenti e magari già penalizzati, usando sempre lo stesso anchor text. In questo modo entro due o tre mesi, il sito web colpito può mostrare un iniziale miglioramento del posizionamento per quella parola chiave, per poi finire giù dalle serp, penalizzato dall’algoritmo antispam Penguin. 

È una tecnica efficace se si vuole posizionare bene un sito web in tre mesi per poi buttarlo, rifarne un altro da capo e ricominciare, quindi non lo consiglierei a chi vuole costruirsi una reputazione sul web.

La stessa tecnica in modo “malevolo” viene utilizzata per portare alla penalizzazione un sito concorrente. È chiaramente illegale e soprattutto miope, ora vi spiego il perché e come al solito penserete che sono pazzo:

Quando lavori contro qualcuno o qualcosa, concentri la tua attenzione nel distruggere portando un vantaggio a te stesso. Più vai in questa direzione, più ti chiudi all’ascolto degli altri, diventi scontroso e incapace di recepire gli stimoli e le idee che arrivano dall’esterno… datutto l’esterno. Credi di avere intuizioni, ma sono solo pensieri confusi, pieni di collera verso qualcuno che alla fine ti accorgi essere te stesso. Non tu, te stesso.

Ogni volta che ti comporti con malevolenza, e vale in generale, ti precludi la forza più dirompente dell’universo. Gli altri.

Possibile che Francesco ci stia facendo una menata filosofica sul bene contro il male

Vedete, che io non voglio diventare San Francesco da Portici, non vado nemmeno in chiesa, dico solo che nella vita devi fare una scelta: o ti muovi in favore degli altri, migliorando le loro vite insieme alla tua, o ti muovi in opposizione, “contro” gli altri per tuo tornaconto. Nel primo caso, la forza della tua azione sarà in ogni momento uguale al prodotto delle energie di tutti quelli a cui hai migliorato la vita, nel secondo caso sei solo o peggio, circondato da gente pronta a farti le scarpe.

Il vecchio Ben direbbe che il lato oscuro è seducente, ma porta solo alla distruzione.

Questa non è filosofia, è fisica quantistica… nello specifico è così che faccio il mio mestiere.

Voi, come lo fate?