Come posizionare un sito web sul calcio, impresa ardua ma possibile!

by francesco 2.159 views6

I risultati di webcalcio.net
I risultati di webcalcio.net

Oggi ti racconto la storia di Michele La Bella. Negli ultimi mesi il suo Webcalcio sta mettendo nel sacco siti web di news sul calcio ben più anziani e con redazioni solide e rodate. Un’impresa avvincente che ti regalerà più che qualche suggestione. Ora però taglio corto e gli lascio la parola.


Grazie all’invito dell’amico Francesco, vi scrivo di come ho indicizzato il sito web WebCalcio.Net, un piccolo blog (non testata giornalistica) che negli ultimi due mesi ha prodotto ben 4 milioni di visitatori unici

Innanzitutto c’è da dire che sotto questo sito web non c’è una vera e propria redazione bensì 3-4 amici con la passione per il calcio di cui solo io, informatico e programmatore con la passione per la SEO. Eh già, la passione, unica via maestra per convertire in visite il tempo impiegato a scrivere i pochi articoli al giorno del sito (da 5 a 15). 

Essendo un sito di news si deve innanzitutto essere tempestivi e sempre “collegati” con il mondo del calcio: pubblicare prima degli altri siti l’articolo del momento ti fa avere maggiore “fortuna” nell’indicizzazione, cosi come condividerli sui social ti fa avere maggiore speranza di essere in alto nelle SERP nel caso in cui il tuo articolo diventi virale. 

 

Articoli vecchi fanno del male? Dal mio punto di vista no…

Come scritto da Francesco in un articolo di qualche tempo fa, sul case study TuttoJuve.com, gli articoli vecchi e datati non verranno mai visitati, quindi sottoporli a scansione quotidiana potrebbe incidere sul crawling budget del sito. Per il mio caso però non è stato propriamente così: il giorno in cui mi sono deciso di sottoporre a scansione tutti i contenuti del sito (anche quelli di un anno fa) e non solo quelli del giorno e dei giorni precedenti, il sito ha avuto una crescita netta e senza precedenti nella mia esperienza da SEO, seppur breve. Quindi il mio consiglio (non approvato sicuramente da tutti) è di giocare sui numeri globali quando non si ha la forza per lavorare su quelli giornalieri

 

Le difficoltà? Come approcciarsi in un mondo con tanta concorrenza? 

Devo ammettere, e lo faccio senza problemi, che nel mio percorso di 14 mesi con WebCalcio.Net, ho avuto tantissimi problemi che mi lasciavano ancorato in fondo alle SERP. La mia soluzione è stata confrontarmi con degli specialisti SEO (tra cui l’ottimo Francesco e Mario Pompilio) che mi hanno aiutato a crescere e capire degli errori che seppur trascendentali, creavano “tappi” tali da impedirmi di crescere. 

 

Conclusioni

Il contenuto è tutto. Sì, per questo tipo di siti è proprio così, almeno nel mio caso è stato così. Scrivere news brevi non converte, ve lo posso assicurare sulla mia pelle. Ed è tutto anche gettarsi anima e corpo nel progetto che si vuole intraprendere, vivendolo come una passione prima (e più) che un lavoro vero e proprio. 

Michele La Bella

  • Grazie per la condivisione, sarebbe interessante e utile sapere quali fossero questi “tappi” 🙂

    • Per farti qualche esempio, c’erano link con anchor texts uguali che puntavano a pagine diverse, c’erano tutti i contenuti attachment indicizzati per fatti loro, archivi ridondanti o duplicati.

      • Ah ecco, per me che sono un niubbo è molto interessante e utile, grazie.

  • Filippo J

    Mmm… Devo dire, con spirito costruttivo, che quando ho letto il titolo dell’articolo mi aspettavo qualcosa di davvero interessante.

    Purtroppo l’articolo non presenta (a mio parere, per quello che vale) informazioni utili a chi legge.

    “Pubblicare prima degli altri”, “non scrivere news troppo brevi”. E poi “gettarsi anima e corpo”, “vivere il progetto con passione”.

    Peccato, perchè sarebbe potuto essere molto interessante, mostrando quali aspetti del sito sono stati ottimizzati eccetera.

    Ma forse con il tuo blog, Francesco, sono semplicemente abituato troppo bene.

    Un abbraccio 🙂

    • Eh Filippo, io ti capisco, ma quanti SEO blog conosci che pubblicano tutti i dettagli dei case study? Purtroppo non si può avere tutto, né io potevo aspettarmi di più da un guest post sul quale non avevo posto paletti di alcun genere. A presto. 🙂

      • Filippo J

        Concordo, assolutamente 😀